DATI

CAPITALE: Belgrado
GOVERNO:
 Repubblica
POPOLAZIONE:
7 114 393
LINGUE: Serbo
ETNIE: Serba, albanesi, ungheresi, bosgnacchi (bosniaci musulmani), rom, croati, slovacchi, ruteni, bulgari, rumeni.
AREA TOTALE:
77 589 kmq
CONTINENTE: Europa

1. La Serbia è una nazione con problemi di pubbliche relazioni. Da un lato è vista sia come difensore dell’Europa e della fede cristiana contro l’aggressione musulmana, che come incompresa e tradita dal resto della Cristianità e come vittima della propaganda di guerra. Da un altro lato, il mondo vede la Serbia come una potenza bellicosa, iper – nazionalista, colpevole di atrocità e pulizia etnica e causa di odio etnico – religioso.  Entrambe le visioni si basano su alcune giustificazioni. Una lunga storia di vittimizzazione proveniente da altre nazioni (Turchia, Austria, Germania, Croazia, ecc) ha lasciato un’eredità di amarezze. Pregate per la guarigione e una trasformazione redentrice dell’identità Serba, è necessario che avvenga un potente miracolo di Dio.
2. Le guerre Balcaniche hanno lasciato una serie di problemi irrisolti: l’economia devastata, una democrazia debole, cattivi rapporti con i paesi vicini e la cura dei gruppi di minoranza (incluso il Kosovo). Devono essere trovate delle soluzioni, ma a causa di un governo testardo e un etnocentrismo radicato dei grandi gruppi di fede (Ortodossia, Islam e Cattolicesimo), rendono le strutture politiche e religiose parte del problema. Pregate che la piccola comunità evangelica – l’unico ente che ha mantenuto una fratellanza multi-culturale – possa rivelarsi un catalizzatore per il bene.
3. La Chiesa Ortodossa Serba sta cercando di recuperare maggiore influenza nella vita nazionale – ciò ha soppresso le altre chiese Ortodosse che servono le minoranze etniche (Rumeni, Macedoni e Montenegrini) e ha spinto a una legge di religione dura ed egoistica che tende a rafforzare i gruppi di religione mono – etnica. Pregate per una nuova vita all’interno di questa Chiesa antica, perché possa voltare le spalle agli istinti totalitari e per supportare una vera libertà religiosa nel paese.
4. Il Protestantesimo ha una lunga storia tra le minoranze Ungheresi e Slovacche in  Vojvodina, ma un piccolo impatto su Serbi e Albanesi. Forse la metà dei credenti in Serbia sono attualmente di etnia serba. I Protestanti sono 110,000, soprattutto congregazioni Luterane e Riformate dove  esiste molto nominalismo. Pregate per un risveglio che liberi le chiese dal peso della  tradizione e consenta la loro effettiva testimonianza.
5. I credenti Evangelici in Serbia affrontano molte difficoltà. Per i nuovi gruppi religiosi – proprio come per  gran parte degli evangelici – la nuova legge di religione rende la gestione molto difficile. Gli edifici ortodossi non Serbi sono sempre più attaccate. Gli Evangelici sono spesso visti come una setta, anche come traditori, da qualsiasi etnia mono – religiosa. Nonostante questo, le chiese più recenti, stanno crescendo e si stanno impegnando in molte forme di ministero. Questioni cruciali per la preghiera includono:
a) Corsi di Leadership: sono limitati e la povertà ostacola l’affluenza di persone nel ministero. Ci sono 2 scuole Bibliche, la “Belgrade Bible School” (Battista e Dei Fratelli) e la più recente “ Novi Sad Theological College”. Anche, “Project Timothy” aiuta tutte le chiese Evangeliche nella guida e nel loro sviluppo.
b) Collaborazione nella fondazione di chiese e attività sul territorio. In Serbia l’unità in mezzo alle divisioni è essenziale, specialmente dato il numero limitato di evangelici.
6. Sfide di attività sul territorio. Pregate soprattutto per :
a) Ministero compassionevole per i rifugiati di guerra dalla prima Yugoslavia – milioni di persone  sono state sradicate e sono diventate rifugiati o sfollati. Pochi sono tornati nelle loro case di origine a causa di un’ulteriore balcanizzazione dei gruppi etnici. Inevitabilmente, il trauma e la disillusione apriranno i cuori a un sensibile ministero cristiano. Molte organizzazioni indigene e straniere (Pane di Vita, Eurovangelism, MCC), condividono l’amore di Gesù attraverso l’aiuto pratico – e vedono reattività tra le persone contattate.
b) I giovani sono I più sensibili, avendo visto la distruzione perpetrata dalla generazione dei loro genitori.
c) I Bambini. CEF e altri raggiungono attivamente i bambini e formano i Cristiani nazionali a fare lo stesso.
d) Gli Studenti. EUS (IFES) ha gruppi nella maggior parte dei campus a Belgrado, Nis e Novi Sad. La visione è di estendere il ministero in altre aree per la testimonianza degli studenti. Campi, conferenze e seminari di formazione equipaggiano i Cristiani a condividere efficacemente la Buona Novella; Alfa e Omega è la divisione editoriale di EUS.
e) Tossicodipendenti. Una tendenza in crescita; attraverso i centri di riabilitazione cristocentrici,I ministeri “Teen Challenge Serbia” si interviene nel problema per aiutare giovani uomini e donne che soffrono di abuso di droga
7. Le agenzie di missione Cristiana. E’difficile stabilire un ministero a lungo termine. Pregate che le aperture possano aumentare e che possano essere chiamati lavoratori a lungo termine. Pregate che ogni parte del paese ne sia arricchito. Le più importanti agenzie coinvolte sono ECM, GEM e IMB.
8. Molti Serbi sono emigrati sia come rifugiati di guerra o per motivi economici, in molti paesi d’Europa,come Germania, Austria, Svizzera,Svezia,Francia, ecc., in  Nord America e Australia. Pregate per un’effettiva attività sul territorio per i Serbi e per gli emigrati: troppo spesso  portano le loro difficoltà con loro nelle altre terre.
9. I Rumeni sono molto sensibili al Vangelo. Il  loro numero totale non è ben noto ma sembra essere più di 200,000. Le denominazioni Rumene, proprio come la Chiesa Evangelica Pentecostale, hanno la crescita più veloce di chiese in Serbia e godono di un’espressione culturale che risuona fortemente sul popolo Rumeno. La loro crescita spirituale è abbinata ailoro bisogni materiali – essi sono uniformemente il gruppo etnico più povero. Pregate per un frutto duraturo in queste chiese e per l’evangelizzazione dell’intero popolo Rumeno.
10. I ministeri dei media Cristiani:
a) Il corso Alpha è un nuovo mezzo per raggiungere il popolo in Serbia. Pregate che ciò possa avere lo stesso impatto qui come altrove nel mondo.
b) I ministeri di radio Cristiana. TWR Serbia trasmette programmi di produzione locale in Serbia (5 ore a settimana) come pure in lingua Macedone, Bosniaca e Rumena. Gli studi per l’ulteriore produzione di programmi Rumeni e Serbi sono risorse preziose. I programmi Cristiani di lingua Rumena vanno in onda su 5 stazioni in FM,e altri sono previsti per il futuro.
c) Radio Internet (TWR) e i siti web in lingua Serba sono utili non solo per la Serbia ma anche per l’intera diaspora Serba.


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2010)                                                            Traduzione di Stefania D’Urso

KOSOVO

1. Il futuro del Kosovo è incerto e cupo. Un’antica inimicizia tra le etnie Serbe e Albanesi è precipitata nel 1998-1999. La pace rimane debole, e il ripristino di questa regione è una speranza lontana. Pregate che gli attriti comuni possano essere risolti e che sia stabilità una pace duratura, non dipendente dalle forze dell’esercito straniero; il processo dell’indipendenza è una questione molto forte.
2. Il ripristino non è certo la parola giusta per descrivere i bisogni di una regione depressa e sottosviluppata anche prima della guerra. L’economia è attualmente in diminuzione, la disoccupazione è al 70%, le politiche interne sono divise e il crimine organizzato/il contrabbando e i sindacati sono i principali beneficiari di questo caos. Pregate per la crescita dell’economia che provveda stabilità e un’occupazione onesta e retribuita. Pregate per la conversione di chi attualmente sfrutta le difficoltà per un guadagno personale.
3. La popolazione Albanese Kosovara è per lo più Musulmana, ma ci sono alcuni Cristiani. Molti Kosovari sono  nominalmente Musulmani, ma l’estremismo è in aumento. Grandi immissioni di denaro dall’Arabia Saudita e dall’Iran sono dotate di stringhe unite che tirano il Kosovo verso le forme più radicali dell’Islam. Mentre centinaia di moschee sono state erette usando questi soldi, centinaia di siti Cristiani sono stati danneggiati o distrutti da folle inferocite. Pregate che l’odio religioso possa essere sedato, e che i Musulmani vedano oltre l’odio etnico-religioso e guardino a Gesù, per il quale anche loro sono preziosi.
4. La chiesa Evangelica è molto piccola ma sta crescendo. Da circa 80 credenti allo scoppio della guerra del 1998, ora ce ne sono oltre 2,000, la maggior parte giovani uomini e adolescenti (spesso le ragazze sono forzate a mantenere segreta la loro fede). Le chiese sono moltiplicate  con la presenza umanitaria straniera, ma da allora diverse sono state chiuse; ora ci sono circa 35 chiese evangeliche. La formazione di un’alleanza evangelica (Movimento Evangelico del Kosovo) e il riconoscimento degli evangelici come una delle 5 comunità di fede del Kosovo, sono entrambe risposte alle preghiere. Pregate per l’unità tra credenti e che continuino a crescere di numero e in maturità spirituale.
5. In ministeri in Kosovo trovano un lavoro difficile ma fecondo. OM, BMS, CMA, ECM, Brethren e molti altri sono attivi. Il lavoro con i bambini e con i giovani adulti riceve molte risposte. Il discepolato e lo sviluppo della guida sono cruciali in Kosovo. C’è bisogno di molti “operai”maschi. Pregate che I gruppi espatriati conservino la libertà nel lavorare per questa terra prevalentemente Musulmana, e che possano usare le opportunità saggiamente e bene.


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2010)                                                            Traduzione di Stefania D’Urso

Dati sulle Religioni

Religione % Popolazione
Cristiani 80,37
Musulmani 16,10
Non religiosi 3,51
Ebrei 0,02
Dati aggiornati al 2010, fonte Operation World

(che si autodefiniscono cristiane)

Chiese Congregazioni Membri Affiliati
Ortodossa serba 1.907 3.910.345 5.670.000
Cattolica romana 165 256.552 372.000
Ortodossa romena 24 23.500 47.000
Chiesa cristiana evangelica slovaca (Luterana) 57 31.469 45.000
Riformata di Serbia 20 6.680 16.700
Cattolica (Bizantina) 9 4.459 16.500
Chiesa evangelica (pentecostale) 96 8.000 11.000
Avventista del 7*giorno 175 7.500 9.300
Movimento evangelico rom 17 2.560 6.400
Testimoni di Geova 44 3.920 5.958
Comunità CoN 3 1.880 4.700
Chiesa evangelica in Serbia (Luterana) 8 2.250 4.500
Unione battista 55 2.200 4.000
Chiesa dello Spirito 6 1.000 2.000
Altre denominazioni [70] 200 16.526 31.071
Totale Cristiane [87] 2.765 4.278.841 6.246.129

Dati aggiornati al 2010, fonte Operation World
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA