DATI

CAPITALE: Abuja
GOVERNO:
Repubblica federale
POPOLAZIONE:
177 475 986
LINGUE: L’inglese, l’Hausa, yoruba e igbo sono i dialetti nigeriani più parlate.
ETNIE: Hausa-Fulani, Yoruba, Olusegun Obasanjo, Igbo, Ijaw, Ilaje, Urhobo ed Ogoni, i Nupe, i Tiv, e i Kanuri, Igbirra, Idoma, Igala e Birom.
AREA TOTALE:
923 769 kmq
CONTINENTE: Africa

1. L’unità della Nigeria è sopravvissuta, quasi miracolosamente, nonostante le innumerevoli minacce. Gli effetti aggiuntivi delle rivalità tribali, delle conquiste musulmane, della politica coloniale in cui nord e sud erano differentemente gestiti, l’amara guerra del Biafra del 1967-70 e le accresciute tensioni religiose hanno lasciato profonde cicatrici. Pregate per la guarigione e riconciliazione; pregate anche per la guida che servirà a riconciliare e unire piuttosto che inasprire e dividere.
2. Le sfide del governo sono miriadi e urgenti – l’agitazione estremista Musulmana al nord, le milizie armate nel sudest scontento e ricco in petrolio, la corruzione dilagante, una rete egoistica di elite burocratica, l’emigrazione e fuga dei cervelli, la povertà diffusa e un apparentemente disintegrando senso di identità nazionale. Queste sono richieste sufficienti per qualsiasi governo stabilito, per non parlare di una democrazia nascente. Pregate per un giusto equilibrio tra prudenza e ambizione nell’affrontare tali minacce, e tra prudenza e ambizione nello sviluppo economico e lotta alla povertà.
3. La scala di corruzione in Nigeria è sconcertante. È ampiamente riconosciuta come una delle società più corrotte del mondo ed è tristemente nota per le  e-mail di truffa, crimini internazionali e traffico di droga.
a) Corruzione, e appropriazione indebita sono comuni a tutti i livelli della società. Sin dal 1960, oltre $400 milioni di dollari sono stati perduti attraverso corruzione, quasi tutti dalle vere persone incaricate alla gestione del paese. Politici, banchieri, poliziotti, militari, anche capi religiosi sono stati tutti trovati colpevoli. La corruzione non è neppure scoraggiata da una forte presenza Cristiana o legge di  sharia; la corruzione sembra essere più profonda  di queste.
b) Fuga di capitali. Gran parte della ricchezza della Nigeria è stata deviata fuori dal paese attraverso vari mezzi illeciti e di corruzione dalle compagnie multinazionali che operano in
c) L’impatto della corruzione in Nigeria è devastante e paralizzante. Ciò tira altri in una mischia generale avida, mina coloro che attendono un buon governo, inspira l’imposizione della sharia, disarma l’efficacia dei Cristiani catturati nella sua morsa, lascia la reputazione della nazione a brandelli e genera una tale disillusione che le reazioni violente ed estreme sembrino essere gli unici che funzionano. Pregate che Dio possa suscitare molti più che lo temono e hanno integrità morale e coraggio nell’affrontare il manifesto marcio della società.
4. L’ introduzione della legge della sharia negli stati Musulmani del nord è una richiesta diretta  per il governo federale. Ciò è una porta aperta agli abusi dei diritti umani e un ulteriore infiltrazione in Nigeria da parte degli estremisti. È un pericolo per la stabilità nazionale e una minaccia per il ministero Cristiano in questi stati così colpiti. Pregate  to national stability and a threat to Christian ministry in those states so affected. Pregate che la crudeltà intrinseca e ingiustizia della Sharia siano esposte e pregate per coloro che cercano ordine morale e giustizia sociale la trovino nella pratica dei principi biblici sotto l’autorità di Cristo.
5. La crescita della Chiesa è stata massiva e tale rimane. La Nigeria ha una larga maggioranzadi evangelici dell’ Africa dell’ovest. Ma tale crescita non è senza i suoi pericoli. Pregate contro:
a) Un fallimento di discepolato: l’enfasi sull’evangelizzazione e la vittoria dell’anima senza un adeguato follow-up e un insegnamento biblico equilibrato. La più grande richiesta spirituale dell’ Africa e della Nigeria, non è l’Islam, non è la corruzione, neanche il bisogno di missioni, ma il discepolato. Se la Chiesa Nigeriana fosse realmente discepolato e portasse alla maturità in Cristo, cio sarebbe una forza inarrestabile.
b) Il successo della teologia sbilanciata e la caccia dietro miracoli dubbi sminuiscono la Buona Novella.numerose distorsioni dottrinali, l’avidità mascherata come prosperità biblica, ciarlataneria spirituale e la raccolta di fondi immorale non solo scambia la verità per bugie, ma essi anche istillano milioni di persone contro il vero messaggio del Vangelo. I gruppi Pentecostali sono soprattutto inclini a questi eccessi.
c) Il nominalismo di seconda generazione in entrambe le chiese tradizionali che giovani è un grande problema. Ambo i principi sono molto diffusi, l’immoralità, l’appartenenza a società segrete e il compromesso con il mondo portano conflitto e discredito al Vangelo.
d) Il Cristianesimo Sincretistico. Molti dei nuovi gruppi di indigeni hanno il desiderio di Dio ma anche una grande mescolanza di pratiche e vissioni anti bibliche. Molti sono aperti alla Luce del Vangelo ma sono spesso isolati dal, o evitati da, tante Chiese Ortodosse. Essi stanno sempre più beneficiando dall’accesso a solidi seminari evangelici e una sana letteratura teologica.
e) Approcci entusiasti e aggressivi ma ignari per la spritualità Africana. Questo è spesso e più tristemente espresso nei cacciatori di streghe, che identificano e accusano i bambini di essere streghe o essere posseduti da demoni e dopo amministrare dure, anche fatali, “cure”. Pregate che la verità biblica e la pratica possano prevalere sulla superstizione.
f) Divisione e discordia. Ci sono diverse principali reti di chiesa in Nigeria. La “Christian Association of Nigeria” – “L’Associazione Cristiana della Nigeria” (CAN) è il corpo di difsa dei 5 principali blocchi Cristiani – il Segretariato Cattolico della Nigeria (CSN); il Concilio Cristiano della Nigeria (CCN); ECWA/TEKAN (linea principale Protestante); PFN/CPFN (Pentecostali); e l’Organizzazione delle Chiese Africane Istituite (OAIC). Lode a Dio per la loro vitale contribuzione alla vita e unità Cristiane nazionali. Alcune mega chiese e più nuove denominazioni non si preoccupano di integrarsi nella scena Cristiana più profonda. Pregate che i capi e i fedeli possano guardare oltre le rivalità denominazionali e tribali che possano essistere per focalizzare sulla loro basilare e più profonda unità in Cristo.
6. I leader Cristiani, oggi, sono sotto grande stress in Nigeria, inclusa l’opposizione spirituale, la pressione politica e le tentazioni finanziarie. Coloro che vivono al nord, sono anche di fronte a veri pericoli da parte degli estremisti Musulmani. Molti hanno ministeri con un maggiore impatto Africano o addirittura globale. Pregate per:
a) Integrità e unità nella guida. C’è frequentemente un divario tra ciò che è predicato e ciò che è percepito essere predicato dai leader Cristiani. Soprattutto tra le chiese più nuove di veloce crescita, la preghiera è necessaria per:
b) Unità. La natura frammentata della Chiesa non è tanto l’ambizione personale e dei conflitti personali, come lo è sulle differenze denominazionali o tribali. Se i leader non possono lavorare insieme, dopo nessuno sarà loro seguace.
c) Onestà. È emerso una perfusione di denominazioni e sette concorrenti, molti di loro hanno gonfiato i  numeri affermando il prestigio dei loro leaders.
d) La Santità Personale. Lo stile di vita stravagante e la viscida abilità d’impresario usurpano la profondità spirituale e la predicazione biblica come indicatori di unzione. Casi di corruzione, furto, appropriazione indebita e immoralità sessuale sono tragicamente frequenti.
e) Responsabilità è spesso assente; il “grande uomo” in atto, gioca contro lo stesso materialismo, orgoglio e carnalità che rovinano la Nigeria politicamente ed economicamente. Pregate che l’umiltà, la semplicità e la santità possano diventare parole d’ordine della Chiesa Nigeriana.
f) La moltiplicazione dei leader che sono guidati dallo Spirito, ben esperti delle Scritture, abili nel discepolato e immersi nella conoscenza di Dio e nel potere della preghiera.
g) Centinaia di seminari, colleges, scuole Bibliche e programmi di formazione in Nigeria, come pure i tanti corsi TEE. L’afflusso di molte istituzioni teologiche da affiliare a università Nigeriane ha prodotto né l’eccellenza accademica né la spiritualità genuina che le chiese hanno tanto bisogno. Diversi dei principali seminari in Nigeria sono rafforzati dal seguire gli standard di ACTEA (Accreditamento del Concilio per l’Educazione Teologica in Africa). Sebbene la domanda per i posti sia alta dalle proprie chiese costituenti, i seminari evangelici sono in grado di offrire un aiuto importante nella formazione dei pastori per Chiese Africane Iniziate.
h) Aumentare i leader-servi e i mentori. I ministeri di un uomo, la leadership dittatoriale, l’impero di costruzione e la mancanza di volontà di affidare la responsabilità alla prossima generazione sono comuni debolezze. Il divario generazionale tra i pastori più anziani e quelli più giovani è spesso grande e una fonte di risentimento, dato che i leader più anziani si aggrappano ai loro poteri e influenza piuttosto che passare il testimone.
i) Ministeri espatriati, in cerca di campagne di alto profilo, che non sono necessariamente bisognose o accolti dallo stabilire una rete di guida Nigeriana, possono sempre trovare altri cittadini attraverso i quali far girare i loro eventi. Questo favorisce un ulteriore divisione ed è sintomatico dell’incapacità della Chiesa di presentarsi come una.
7. Movimenti interdenominazionali su scala nazionale, più della maggior parte delle nazioni, hanno avuto un impatto profondo su sezioni specifiche della comunità. Da segnalare:
a) Scuole Secondarie. SU opera principalmente al sud, mentre l’organizazzione FCS (Fellowship of Christian Students – Compagnia degli Studenti Cristiani) suo partner opera in 20 stati del nord. Essi hanno avuto un enorme influenza nel discepolato e nella formazione di giovani Cristiani. Vi è una considerevole opposizione e la sperimentazione nelle tre regioni del nord, spesso hanno acausato attacchi violenti sanguinari, già un grande raccolto ha dato i suoi frutti. Pregate che gli insegnanti Cristiani, i consulenti e le guide degli studenti possano essere incoraggiati e rafforzati.
b) Università e colleges. NIFES (Nigeria Fellowship of Evangelical Students – Compagnia di studenti evangelici in Nigeria), il più grande movimento di membri dell’ IFES, ha oltre 35,000 membri su 300 campus, con i loro gruppi più grandi nelle parti centrali e del sud del paese. FCS è più forte nelle regioni centrali e del nord, avendo anche mobilizzato l’attività sul territorio nelle scuole e nei college, portando molti a Cristo. Ora ci sono molte altre chiese fondate nei campus e compagnie di gruppi associate con alcune delle più grandi denominazioni. Gli studenti Cristiani devono affrontare numerose sfide – tentazioni all’immoralità e vie senza scrupoli per il successo, falsi insegnamenti da sette “Cristiane” e pressione dai Musulmani. La testimonianza Cristiana è stata separata nei recenti anni dalla competizione di molte altre compagnie universitarie.
c) Casa di Pace, una rinascita non-denominazionale e un ministero rifugio, ha un importante ruolo nell’incoraggiare la vita spirituale all’interno di gruppi professionali, inclusi i pastori. Il ministero di lunga durata della “Full Gospel Businessmen’s Fellowship – Compagnia del Pieno Vangelo degli uomini d’affare” supplementa questo lavoro strategico.
8. La scala di persecuzione dei Cristiani da parte dei Musulmani si è accelerato negli stati del nord della Nigeria fino all’altopiano centrale. Ciò ha causato la morte di migliaia, inclusi pastori, e la distruzione di centinaia, anche migliaia, di chiese. Ciò ha unito i Cristiani e li ha guidati al Signore in preghiera, ma minaccia anche lo stesso tessuto e statualità della società Nigeriana. Pregate per:
a) Una comprensione delle cause di questa situazione complessa. I Musulmani temono una perdita di potere, influenza e terra come cresce la Chiesa, tanto la democrazia si diffonde. Le rivalità tribali e politiche contribuiscono alla tensione. Le influenze Giudaiche fomentano una violenza pre-pianificata e usano pretesti inconsistentissimi per invocare sommosse. Non meno, il maligno cerca di uccidere, rubare e distruggere, da entrambi i Cristiani e i Musulmani.
b) Restauro e recupero per coloro che hanno sofferto perdite, lutto e stupro. Sia le Chiese Nigeriane che le agenzie internazionali stanno provvedendo a nuove case, vestiti, cibo e essenziali, ma la guarigione interiore non può essere così facilmente procurata.
c) Il perdono per i persecutori e la liberazione dallo spirito di vendetta.
d) L’ Associazione Cristiana della Nigeria e il suo ministero di rappresentare gli 88 milioni di Cristini della Nigeria in 5 blocchi principali alle autorità locali e federali.
e) Azioni decisive da parte delle autorità. Non è stato fatto abbastanza per prevenire e scoraggiare lo scoppio di violenza da parte dei Musulmani – molti pensano che la polizia e/o l’esercito siano compromessi. La giustizia è raramente vista applicare, e la compensazione per la perdita e distruzione è spesso promessa ma quasi mai distribuita.
f) L’esposizione della violenza e della natura odiosa dei gruppi estremisti. I Cristiani soffrono una serie di attacchi, spesso pre-pianificati e ben coordinati, e tenta anche a forzarli a convertirsi all’ Islam sotto minaccia di morte. Ciò ha portato a diversi, coraggiosamente, a morire come martiri. In una serie di situazioni, i Cristiani sono incapaci di fidarsi della protezione delle forze di sicurezza del governo o della polizia per prevenire gli attacchi da parte dei militanti invasori.
g) La conversione dei Musulmani, sia dei persecutori che di coloro spaventati dal comportamento dei loro correligionari. Molti di questi, negli ultimi anni, sono stati vinti a Cristo, che è motivo di ragione degli attacchi.
h) La risposta migliore da parte dei Cristiani. Fino ad ora, la tolleranza è stata scambiata per debolezza. La grande maggioranza dei Cristiani sopporta tali predazioni senza ritorsione. Ma talvolta della provocazione, i pastori lottano per evitare che i loro membri, soprattutto membri nominali, siano presi dalla vendetta. Molti Cristiani sono coinvolti nel processo di pace e pregano per un amore soprannaturale dei nemici che nessuna forza può sconfiggere.
9. Le sfide del Ministerio tra segmenti specifici della popolazione, includono:
a) I giovani e le scuole. Giuridicamente, l’educazione religiosa dovrebbe essere data a tutte le scuole. Questa è una grande opportunità per generare comprensione religiosa e spiegare il vangelo, ma gli insegnanti di educazione religiosa Cristiana sono limitati in numero e risorse. Con l’aiuto da parte dell’Istituto Internazionale per gli Studi Cristiani, sponsorizzato dal governo in servizi di formazione e manuali stanno dando un fresco impeto. CEF raggiunge i bambini e offre formazione in seminari per gli insegnanti Cristiani e i genitori. CEM, un’agenzia indigena, ha un importante ministero nel campeggio Cristiano. I ministeri di sport stanno anche aumentando in popolarità ed efficacia.
b) Ministeri di sviluppo per i poveri di campagna. La povertà ha spinto molte chiese Nigeriane a stabilire dipartimenti di saluite e di campagna, molti sono stati riconosciuti dal governo come agenzie di sviluppo. Più in particolare, RURCON e la sua filiale locale, CRUDAN, fornisce consulenza e formazione. Pregate per un effettivo olismo nel ministero della Chiesa.
c) HIV e AIDS. Lo stato, ufficialmente stima che 2.7 milioni di persone siano portatori del virus. La cifra reale potrebbe essere doppia. Si stima che 2 milioni di bambini siano arfani a causa dell’AIDS. Molti gruppi stanno facendo uso di risorse disponibili attraverso la sensibilizzazione di “Africa Christian Textbooks” – “Libri di testo Cristiani Africani” (ACTS). Il Governo ha adottato materiali basati sulla Bibbia, sviluppati dalla Fede Basata dall’Iniziativa Sensibilizzazione AIDS per aiutare con l’educazione e la prevenzione in scuole e college di educazione. FCS, SU, Tearfund, ACET, NIFES, CAPRO, ECWA, Chiese Battiste e Metodiste offrono tutti programmi di sensibilizzazione per l’ AIDS, ma un maggiore progresso è necessario per combattere lo stigma associato con l’ HIV e la cura per coloro che sono quasi infetti.
10. Le comunità religiose specifiche bisognose di preghiera e attenzione sono tante; il contesto religioso della Nigeria è altamente complesso e variegato al di là dell’ovvia dominazione della dinamica Cristiano-Musulmana. I principali blocchi sono:
a) Molti sono più aperti al Vangelo, nonostante – o addirittura a causa delle – tensioni religiose della Nigeria. Decine e possibilmente centinaia, di migliaia sono venuti a Cristo. Ma molti affrontano minacce di morte, discriminazione e ostracismo. La potente letteratura Cristiana per i Musulmani e i metodi di effettiva divulgazione sono sempre più disponibili. Un importante ministero si sta interessando alla conversione dall’Islam; oltre al discepolato, essi spesso hanno bisogno di un riparo e un’occupazione in un’area lontana dalla loro casa dovuto alle minacce per le loro vite. Ci sono molte espressioni dell’islam in Nigeria, tra cui la maggioranza Sunnita e Shiita, Sufi e militante, e l’ostilità tra alcuni di questi gruppi è evidente.
b) I praticanti della religione tradizionale Africana. Mentre, ufficialmente, essi numerano solo circa il 3%, essi, più che probabile, numerano circa l’ 8%; anche oltre questo le loro pratiche e le loro opinioni penetrano profondamente in alcune forme sia dell’Islam che del Cristianesimo. Il Paganesimo non è così tanto scomparso o andato nel sotterraneo, spesso si agita sotto la superficie del nominalismo Cristiano. Molti dei gruppi più piccoli di persone povere rimanenti della Nigeria sono animisti; essi sono sensibili alla Buona Novella, ma si stanno rapidamente Islamizzando. Pregate per l’urgente intervento Cristiano per questi mentre la porta rimane aperta.
c) Le Chiese Indigene “spirituali” Africane stanno moltiplicando – in particolare quelli relativi a Aladura, Cherubim e Chiesa Seraphim e Chiesa Apostolica di Cristo. Alcune sono altamente sincretistiche; altre mantengono vari gradi di ortodossia. Pregate che la loro guida possa esere giustamente aiutata da altri Cristiani, con la teologia biblic e l’adozione di pratiche.
11. Pregate per i non raggiunti della Nigeria. La ricerca degli ultimi 20 anni rivela che 168 persone sono inadeguamente raggiunti, dovuta alla mancanza di lavoratori residenti, chiese indigene, traduzione della Bibbia e così via. Di questi, 26 rimangono non ingaggiati dall’attività sul territorio Cristiano. Fra questi ci sono Bole, Ganagana, Gera, Lala e West Marghi. Diversi altri non conoscono i Cristiani. Altri gruppi strategici includono la sempre più aperta Fulani (15m) e l’altamente resistente Kanuri (6m). Pregate che queste agenzie e chiese che li hanno adottati per il ministero, possano svolgere quest’impegno attraverso una conclusione positiva.
12. La visione delle missioni. La Nigeria è uno dei paesi in via di sviluppo che guida l’invio dei missionari nel mondo. Pregate per:
a) Reti di missione Nationwide. Il “Movement for African National Initiatives” – Movimento di Iniziative Nazionale Africano (MANI), “Nigeria Evangelical Missions Association” – Associazione di Missioni Evangeliche Nigeriane (NEMA) e “Agape Missions and Evangelical Network” – Missioni Agape e Rete Evangelica (AMEN) tutti giocano un enorme ruolo nel mettere avanti l’impeto missionario cominciato nel 1974 dal Congresso di Losanna sull’Evangelizzazione nel mondo e al Congresso in Nigeria sull’Evangelizzazione nel 1975. Quest’impeto è incapsulato con il ritorno al movimento di Gerusalemme insieme con Vision 50:15, che ha l’obiettivo di mobilizzare 50,000 Nigeriani per le missioni nei prossimi 15 anni. Attualmente 5,300 missionari Nigeriani a lungo termine sono sotto la difesa NEMA, rappresentando 115 agenzie. Circa metà servono in maniera transculturale all’interno della Nigeria; l’altra metà serve fuori dal paese.
b) Agenzie denominazionali con un forte programma per le missioni. La Società Missionaria Evangelica di ECWA ha di gran lunga il più grande numero di missionari transculturali (1,600 nel 2009). La più profonda Chiesa di vita Biblica e i ministeri di fede vivente hanno inviato missionari in oltre 40 nazioni. In passato ha fondato oltre 3,000 chiese fuori dalla Nigeria. AoG, Battiste, Chiese di Cristo in Nigeria (TEKAN) e altre, hanno avuto forti programmi di missionari mandati. Pregate che altre denominazioni possano catturare la visione.
c) Agenzie Interdenominazionali sono moltiplicate – CAPRO, “Christian Missionary Foundation” – Fondazione di Missionari Cristiani (CMF), “Missionary Crusaders Ministries” – Ministeri di Missionari Crociati (MCM), “Evangelical Missionary Society” – Società Missionaria Evangelica (EMS), “Great Commission Movement” – Grande Movimento sul Mandato (GCM), “Soul Harvesters” – Raccoglitori di Anime, “Full Stature Mission” – Missione di piena Statura e altri stanno crescendo in numero. Pregate per il loro aumento e per la Chiesa Nigeriana – solitamente così centrata sulla vita di congregazione – al supporto dei loro ministeri.
d) Supporto e Formazione Missionaria. Ora ci sono 50 istituzioni di formazione missionaria in Nigeria, una risposta alle preghiere. Le congregazioni ancora hanno bisogno di comprendere i ruoli vitali che giocano nel supportare e inviare missionari Nigeriani sul campo. Pregate per le agenzie di supporto Nigeriane che cercano di affrontare questo problema e agiscano come ponte tra le chiese e le missioni sul campo. Circa 2,000 missionari Nigeriani servono in altri paese, soprattutto nell’Arica occidentale; essi si trovano ad affrontare difficoltà nel ricevere fondi per provvedere ai loro bisogni materiali ed educare i propri figli.
e) Ricerca sui non raggiunti – da ECWA, CAPRO, AoG e Nigerian Baptist Convention (Convegno Battista Nigeriano) – focalizza l’attenzione delle chiese e delle agenzie. Tutti le 168 persone meno raggiunte della Nigeria sono state adottate per la preghiera e attività sul territorio. Il progetto “Searchlight” gestito dal gruppo “National ResearchWorking”, sta svolgendo ricerche fondamentali sulla forza di raccolta Nigeriana e sui meno raggiunti e sta sviluppando strategie, ministeri di formazione e di collaborazione.
13. I Missionari espatriati sono in costante diminuzione di numero, così la Chiesa Nigeriana grande e matura si incarica di ministeri di espatriati. Eppure 3,500 lavoratori transculturali ancora servono il Signore in Nigeria (molti di loro sono Nigeriani o Africani). Pregate per una cooperazione armoniosa tra stranieri e agenzie indigene e le chiese. La chiave dei ministeri per gli espatriati include gli insegnamenti della Bibbia, la formazione di guide, una vasta gamma di ministeri di supporto e aiuto e formazione di missionari Nigeriani. Pregate per la sicurezza, salute ed efficacia della forza missionaria – ognuno di questi fattori, oggi, è un campo di battaglia più spirituale in Nigeria. Alcune delle più grandi agenzie sono: WBT, SIM, CRWM, IMB, Missione Africa.
14. La letteratura è vitale per la maturazione della chiesa, soprattutto nelle zone di discepolato, studi biblici e teologici. Questi sono, insaziabilmente, ambiti, ma scarseggiano. Pregate per:
a) Autori Nigeriani. Molti pastori di grandi chiese scrivono copiosamente, ma gli argomenti sono gli stessi – prosperità, successo e sopraffazione. Pregate per coloro che sono interessati nella scrittura su una vasta gamma di argomenti, e in un modo culturalmente e contestualmente rilevante, ma mancano i mezzi e le risorse d’editoria. Pregate per una nuova casa editrice, “Africa Christian Textbooks” – Libri di testo Cristiani Africani (ACTS), in collaborazione con altre case editrici Africane e la letteratura Langham aiuti gli autori Africani. ACTS ha una lista crescente di titoli progettati per i leader Nigeriani con argomenti dell’Africa.
b) A causa della cattiva gestione, diverse case editrici Cristiane più antiche non sono più funzionanti. Alcune nuove organizzazioni proprio come “Evangel” è cresciuta ma tende a concentrarsi su libri stranieri in ristampa. La pubblicazione denominazionale è anche bassa. Ma “Oasis International”, “Joint Sunday School Project” e “ACTS” producono nuovi materiali utili per la formazione di pastori e crescita spirituale.
c) Sebbene ci siano ben più di 300 librerie Cristiane in Nigeria, la gamma di libri in vendita è fortemente limitata a causa della ricerca di profitto. Le librerie denominazionali proprio come “Challenge Bookshops” sono in declino da qualche tempo. La maggior parte delle librerie in crescita sono nelle mani di imprenditori privati. “Christian Booksellers Association” della Nigeria è una forza del bene. Le agenzie di maggiore distribuzione sono Oasis, ACTS, Edysyl e altre.
15. I media giocano un ruolo più che mai grande, trasmettendo non solo informazione ma anche teologia e stile di culto, particolarmente per i fiorenti  ministeri Pentecostali e carismatici. Pregate per:
a) Traduzione della Bibbia. La Nigeria possiede il terzo più alto di traduzioni bisognose nei restanti altri paesi. Con “Bible Society of Nigeria” – Società Biblica della Nigeria e “Nigeria Bible Translation Trust” Fede nella traduzione della Bibbia Nigeriana, in prima linea, le grandi organizzazioni di traduzione della Bibbia stanno facendo un grande progresso attraverso l’incontro dei bisogni di più di 500 lingue diverse nel paese. Attualmente, ci sono 21 Bibbie complete, 61 Nuovi Testamenti e più di 70 lingue con parti di Scritture e lavori in corso. Questo lascia ancora più di 300 lingue con possibili bisogni di traduzione. Un programma di laurea per la traduzione della Bibbia è stato sviluppato dal “Theological College of Northern Nigeria”, il primo nel paese, e i primi laureati stanno commissionando loro stessi per rispondere a  quest’enorme bisogno di traduzione rimanente.
b) Radio Cristiana. La Nigeria ha uno delle percentuali più alte del mondo e numeri di ascoltatori radio a onda corta. Ancora più hanno accesso a FM. I Cristiani usano sia trasmissioni radio internazionali che locali. Con il livello basso di alfabetizzazione in Nigeria e il forte racconto orale culturale, la radio è vitale per l’evangelizzazione e il discepolato. Pregate per tutte le restrizioni assurde da sollevare per la radio locale. Molti gruppi non evangelizzati possono ricevere trasmissioni radio Cristiane nella loro lingua. “Broadcasting Organization of Nigeria” – Organizzazione di radio diffusione della Nigeria (BON) è conosciuta per giocare un ruolo restrittivo sulle trasmissioni Cristiane su stazioni nazionali come pure nella creazione di stazioni radio Cristiane. Ciò richiede preghiera.
c) Risorse audio. GRN ha registrato in 573 lingue/dialetti e cassette innovative e macchine di riproduzione e registrazione di facile uso. A volte una registrazione GRN è l’unica testimonianza del Vangelo per un gruppo etnico non convertito. Pregate per le registrazioni in 127 lingue settentrionali ancora non affrontate. C’è più bisogno per le lingue Iseko, Izon,Vute,Yekhee, Kanuri e anche Yoruba.
d) TV Cristiana. La televisione è usata da molti gruppi cristiani. I gruppi Pentecostali in particolare utilizzano questo mezzo per espandere il loro ministero. C’è un grande bisogno di solidi insegnamenti Biblici come pure di programmazione varia e creativa. NLFA, ELWA, Baptist Media e Muryar Bishara tutti hanno studi.
e) Il film JESUS è ampiamento usato in 70 lingue. Altri 70 sono in produzione. I ministeri di “Mount Zion Faith” hanno cominciato il loro studio nel 1999 e hanno già prodotto 24 film in DVD e 7 serie TV, che sono stati mostrati in 74 stazioni TV Nigeriane. ECWA e i Battisti hanno anche prodotto film; pregate che questi argomenti possano essere usati effettivamente.
f) Internet è stato utilizzato da molti gruppi di tutte le espressioni Cristiane. Per coloro che hanno accesso a Internet, una ricchezza di sermoni, risorse di studio Biblico, programmi streaming, tali sono prontamente disponibili.


Gli Stati della Nigeria
Tre principali regioni emerse a seguito della polizia coloniale. I Britannici hanno conservato la pre-coloniale, i governanti feudali musulmani Hausa-Fulani del nord, gli hanno permesso di estendere il loro regno sul popolo del Middle Belt, pochi dei quali erano musulmani, a quel tempo. Il sud si è sviluppato più come sistema di governo occidentale. Tra il 1967 e il 1995, il numero degli stati è aumentato da 12 a 36, più un Territorio Capitale Federale. Questi stati sono raggruppati in 6 zone geo-politiche: SE, SS, SW, NC, NE e NW, ma qui essi sono raggruppati largamente in 3 principali regioni della Nigeria.

Le zone del sud
1. Criticità:
a) Relazioni Cristiane-Musulmane continuano a scontrarsi. L’imposizione della legge della sharia e la successiva violenza contro i Cristiani negli stati del nord generano risentimento e anche contraccolpi nei confronti delle minoranze Musulmane nelle città del sud. Pregate che i valori Cristiani prevalgano.
b) L’industria petrolifera ha inquinato l’incontaminata terra agricola di milioni, ma solo una piccola elite (o corrotta) ne ha beneficiato. In questo disastro ambientale, il gas naturale è sprecato, la terra è degradata e il mare inquinato. Dopo molti anni di sempre più proteste violente e lotte, sia il governo federale che le compagnie petrolifere hanno riconosciuto queste criticità. Nel 2009, le compagnie petrolifere hanno pagato i loro primi risarcimenti e accordo di indennità (con il popolo Ogoni); il governo ha concesso amnistia agli attivisti e promesso 1 miliardo di dollari per l’aiuto dello sviluppo. Pregate che i soldi saranno spesi giustamente e prudentemente per il beneficio di tutti e che la pace arriverà.
2. Il SW è stato lanciato dagli Anglicani, Metodisti e Battisti del Sud, e il SS e SE dai Presbiteriani, Cattolici, Qua Iboe (Missione Africa) e altri. I Cristiani sono in grande maggioranza. Le chiese Pentecotali hanno un’influenza predominante e con crescita più rapida – che vanno da piccoli gruppi di incontri in casa a grandi chiese. Le aree rurali mancano di pastori dedicati a causa della relativa povertà. Pregate per la cura sacrificale tra i Cristiani per le aree meno raggiunte e meno privilegiate. Pregate che il risveglio possa rendere i Cristiani veri discepoli di Gesù.
3. I popoli meno raggiunti e le aree includono:
a) Le periferie Musulmane (sabongari) nelle città del sud e in quelle settentrionali dove si riuniscono. Una preghiera molto piccola o una sensibilizzazione è diretta per queste aree difficili, nonostante siano molto aperte alla testimonianza e all’amore del ministero.
b) Gruppi Musulmani tra i popoli del sud. I Musulmani Yoruba sono influenti e costituiscono oltre un quarto di tutti i Yoruba. Le fatiche e le seduzioni missionarie Musulmane hanno portato altri popoli del sud all’Islam, inclusi alcuni tra i Igbo. Pregate per un’attività sul territorio specifico per questi gruppi; essi sono più liberali e più aperti dei Musulmani Nigeriani; convivono più pacificamente con i Cristiani e con le religiosi tradizionali.
c) Religiosi tradizionali Africani, proprio come i seguaci della spiritualità di Orisha, Ogun (ferro e guerra) e Osun (i mari), sono comuni nel sud e nel sud ovest, mescolanza di credenti con il Cristianesimo e l’Islam. Tali religiosi sono spesso sensibili al Vangelo a al potere di Cristo, ma l’escissione dell’idolatria e dello spiritismo è un compito molto più difficile.
d) Il Delta del Niger (SS) e le regioni costiere. Molti popoli vivono in queste paludi praticamente inaccessibili, fiumi in quest’aree che sono grandemente passati da missioni. Il Cristianesimo è spesso un’apparenza sulla religione tradizionale Africana. A pochi km dalle città con le chiese si trovano fiorenti villaggi non raggiunti carichi di paganesimo. CMS, CMF e AoG hanno ministeri per fondare chiese in quest’area; le chiese locali hanno bisogno di essere convinti della loro propria responsabilità – e abilità – per raggiungere questi luoghi bisognosi.
e) Altre aree bisognose: il confine Benin (SW) e lo stato Cross River (SS), dove le religioni etniche e le società segrete sono forti (ECWA/SIM). Lo stato Edo è conosciuto per livelli significativi di “trasmissioni sessuali”, incluso l’invio di migliaia di prostitute in particolare per l’Europa e per l’Italia.

La zona Centrale
1. C’è stata una drammatica crescita della chiesa negli ultimi 50 anni. Le principali denominazioni ECWA, Anglicana, Battista, famiglia delle chiese TEKAN e altre, recentemente, varie chiese Pentecostali e carismatiche. Pregate per la crescita spirituale dei credenti e per la vera conversione delle più giovani generazioni – il nominalismo evangelico è un grande problema. Pregate per un risveglio e una visione per un’attività sul territorio transculturale.
2. Attività missionaria Musulmana si è intensificata nella regione. Notevoli sforzi sono stati fatti per conquistare seguaci di religioni etniche e Cristiani apostatici. Pregate che questi tentativi possano attualmente risolversi in molte conversioni a Cristo. Pregate che i Cristiani possano superare odi storiche e attriti personali per il bene della coraggiosa testimonianza per i Musulmani in amore.
3. Le occorrenze di violenza religiosa e persecuzione in questa regione, soprattutto lo stato Plateau e la sua capitale, Jos, sono stati di rilievo negli ultimi dieci anni (vedi la sezione principale punto 8). È la linea di faglia tra Cristiani e dominazione Musulmana in Nigeria. Accordi coloniali Britannici hanno posto governanti Musulmani sulla popolazione Cristiana; più recentemente, questo ha visto l’imposizione della sharia sulle aree a maggioranza Cristiana come pure, nonché il ribaltamento del dominio Musulmano tramite elezioni democratiche. Jos è un centro di ministero Cristiano; Jos stesso e molti credenti in essa hanno sofferto a causa di tanta distruzione e caos. Pregate per l’audacia e la fedeltà in mezzo a pressioni e per una risposta Cristiana all’opposizione.
4. I popoli meno raggiunti. Ci sono ancora 50-60 popoli nella regione tra cui l’attività sul territorio (e la risposta) è limitata. Due grandi aree di grande bisogno:
a) Stato Plateau. Molte persone si sono convertite al Signore, ma alcuni sono più resistenti, proprio come predominantemente la tradizionale Goemai (375,000), Kofyar (145,000) e Mada (140,000).
b) Lungo il fiume Niger e il confine Benin sono numerosi popoli non raggiunti e parzialmente i raggiunti. Pregate per il gruppo di popolo Nupe, alcuni nominalmente Cristiani con la maggior parte della gente che pratica l’Islam. Solo una manciata di lavoratori Cristiani stanno tentando di raggiungerli (UMCA, CMF, CAPRO, CRWM, LCCN, EMS-ECWA). Il gruppo Benue ha molte persone (255); alcuni sono in gran parte non evangelizzati.

Le zone del nord
1.
 Criticità:
a) L’imposizione della legge della sharia in nove stati settentrionali e porzioni di altri quattro ha provocato una crisi costituzionale e direttamente sfidato il governo federale. Pregate che si possa saggiamente disinnescare questa situazione esplosiva.
b) La legge della Sharia è accompagnata da restrizioni sulla costruzione di chiese, dal divieto di educazione religiosa Cristiana nelle scuole statali, da violenze comuni, da distruzioni di tante chiese e perdite di vite – soprattutto di Cristiani, che sono automaticamente umiliati in cittadini di seconda classe. Pregate che i Cristiani possano rispondere con amore, saggezza, pace e autorità spirituale; pregate che saranno capaci di esercitare liberamente il loro diritto costituzionale di testimoniare Cristo.
c) La persecuzione è spesso così severa che molti lavoratori Cristiani hanno lasciato la regione. In alcune aree, molte chiese e anche intere denominazioni sono state bruciate. La ricostruzione spesso accade – occasionalmente diverse volte – a caro prezzo per la congregazione e senza ricompensa o assicurazione che impedisca che riaccada. Pregate per una grande fede e resistenza per questi Cristiani che soffrono tali perdite.
2. Il Vangelo ha fatto progressi dall’ Indipendenza nonostante una considerevole opposizione da parte dei Musulmani. Molti popoli più piccoli non Musulmani e un numero in aumento di persone maggiormente Musulmane stanno rispondendo al Vangelo. I credenti da un contesto Musulmano sono spesso spinti sottoterra o fuori dalla loro area di residenza. Come risultato, una rete sotterranea di credenti si sta sviluppando, così come ministeri Cristiani incentrati sull’offrire rifugio e discepolare i convertiti. Pregate per la protezione e crescita di questi movimenti acceleranti.
3. C’è un grande bisogno per i missionari Nigeriani per assicurare che i guadagni costosi in termini di crescita di Chiesa non vadano perduti. La Chiesa Nigeriana è gravata per questa zona e accorta per la ricerca adatta fatta. Pregate per l’invio di lavoratori, dalle decine di denominazioni e chiese che saranno ben preparate e effettive in un ambiente ostile e pericoloso.
4. Pregate per i popoli non ancora raggiunti.
a) I (Fulbe) sono un popolo strategico in tutta l’Africa e il più grande gruppo non ancora raggiunto dell’Africa sub-sahariana. Le loro origini sono in Senegal, ma il loro numero maggiore è in Nigeria, dove vivono 16 milioni di 32 milioni di Fulani. Formano sia la classe dominante fortemente musulmana (Sokoto/Toroobe) che i nomadi musulmani di bestiame erbivora oltre gran parte della Nigeria e del Sahel. Oltre il 90% dei Fulani nigeriani sono musulmani, ma un numero crescente sta rispondendo al vangelo. Recentemente, la Chiesa nigeriana e quella globale ha preso la visione per l’evangelizzazione del Fulani, e si sono formati partenariati per la mobilitazione, la strategia e il coordinamento del ministero. Effettivamente raggiungere i pastori nomadi è una sfida particolare. Se il Vangelo viene conquistato da questo gruppo, tutta l’Africa occidentale ne potrebbe beneficiare! Molti dei Fulani urbani parlano solo l’Hausa e possono essere raggiunti attraverso questa lingua.
b) I Hausa sono conosciuti come prevalentemente Musulmani, ma attualmente un numero segue le religioni tradizionali. Tra questi sono i Maguzawa, un popolo con la loro propria cultura distintiva che ritiene la religione pre-Islamica tradizionale Hausa. Sta avvenendo un emozionante conversione a Cristo tra loro. I Isawa, un gruppo Musulmano ai margini Hausa, che ha dato alto onore a Gesù, stanno anche rispondendo al Vangelo. Le risorse Cristiane in Hausa sono largamente disponibili. Pregate che un grande numero di Hausa siano portati a Cristo; questo sta avvenendo in maniera crescente in più ampia scala.
c) I Kanuri dello stato Borno sono fieramente Musulmani e sono stati così per 1,000 anni. Essi dubitano che anche altri popoli possano praticare fieramente l’Islam. Ci sono pochi credenti tra 5.2 milioni Kanuri, anche dopo anni di testimonianza dai pioneri TEKAN, CMF, CAPRO e 22 altre missioni Nigeriane. C’è solo una chiesa Kanuri, ma ora il Nuovo Testamento è stato publicato e il film Jesus e altre risorse sono disponibili.
d) Le colline Gwoza (Adamawa e Borno). L’area è caldamente contestata spiritualmente, con alcuni popoli che si voltano dal paganesimo – molti al Cristianesimo che all’islam. Più di 23 popoli vive in quest’area. Pregate per questi nel cuore di questa battaglia, proprio come i Guduf (30,000), Dughwede (20,000) e i Marakam (4,000).
e) Le regioni di montagna dell’est lungo la frontiera Cameroon in Taraba e gli stati Adamawa. Questa è la casa di numerose persone, alcuni appena influiti dal mondo moderno e profondamente intrappolati nel timoroso mondo degli spiriti e degli antenati. Più di 50 popoli vivono in quest’area, molti non raggiunti. Pregate soprattutto per il precursore della crescente attività sul territorio per le 7 tribù di Mumuye (625,000, 50% o più di coloro che seguono le religioni tradizionali Africani) i Chamba (150,000) e i Bata (150,000).


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2010)   Traduzione di Stefania D’Urso

1. Il ben riuscito passaggio da un governo civile a un altro è il massimo per la Nigeria. I tentativi di rafforzare le banche e l’economia nazionale e combattere la corruzione hanno avuto qualche successo. La promessa di un ulteriore sviluppo e aiuto per gli Stati danneggiati ricchi di petrolio ha anche aiutato a stabilire una misura di pace. Gloria a Dio che nonostante le numerose minacce, la stabilità nazionale della Nigeria sembra essere consolidata.
2. Il movimento di preghiera della Nigeria è il più forte al mondo, stimolato dalle tensioni politiche, dalla persecuzione Musulmana dei Cristiani e da un genuino desiderio di rinascita ed evangelizzazione. Nella storia alcuni dei più grandi incontri di preghiera sono avvenuti in  Nigeria (circa 3 milioni a Lagos). Gli sviluppi politici positivi e la crescita delle chiese, possono essere attribuiti, in gran parte, a questi movimenti.
3. La crescita dinamica della Chiesa continua ad essere imponentemente solida. Questo è avvenuto tra gli Anglicani, i Metodisti, i Presbiteriani, i Battisti, i gruppi evangelici proprio come ECWA (Evangelical Churches Winning All/SIM) e TEKAN con radici interconfessionali  (SIM, Pionieri e altri), Pentecostali e denominazioni carismatiche (sia indigene che internazionali). Pochi dettagli:
a) La Chiesa in Nigeria (Anglicana) è cresciuta da 900,000 nel 1960 a quasi forse 20 milioni nel 2010. Essi sono un baluardo per gli evangelici e i conservatori nella mondiale comunità anglicana.
b) Il lavoro della SIM, che è iniziato con una tale perdita un secolo fa, ha portato a una chiesa dinamica, ECWA, con 6,000 chiese e sei milioni di persone.
c) La Chiesa Apostolica, nata dal risveglio Gallese del 1904-05, ha sei milioni di affiliati in tutto il mondo; 4.5 milioni di loro sono in Nigeria.
d) Deeper Life Bible Church – la Chiesa Biblica di vita profond cominciata come campus di studio Biblico nel 1973 è cresciuto a quasi un milione di  affiliati in Nigeria e molte altre nel mondo.
e) La Chiesa Cristiana Redente di Dio nata nel 1952 come singola, congregazione locale è cresciuta fino a oltre  tre milioni di affiliati nel mondo, con una presenza in oltre 130 paesi. È la denominazione dalla più rapida crescita in Nigeria.
f) Gli Evangelici sono cresciuti da 2.1 milioni nel 1960 (5.7%) a 49 milioni nel 2010 (30.8%).
4. La visione delle Missioni nate nel 1970 attraverso il risveglio degli studenti universitari. Questa visione è sbocciata in un movimento dando conto a oltre 5,000 missionari Nigeriani in patria e all’estero, contribuendo ad aprire la strada per la mobilitazione della missione in Africa.

Dati sulle Religioni

(che si autodefiniscono cristiane)

 

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA