DATI

CAPITALE: Kuala Lumpur
GOVERNO:
Federazione di monarchie costituzionali
POPOLAZIONE:
30 990 000
LINGUE: Malese Bahasa (ufficiale), Inglese, Cinese (Cantonese, Mandarino, Hokkien, Hakka, Hainan, Foochow), Tamil, Telugu, Malayalam, Panjabi, Tailandese
ETNIE: Malesi 50,4%, Cinesi 23,7%, indigeni 11,0%, Indiani 7,1%, altri 7,8%
AREA TOTALE: 330 323 kmq
CONTINENTE: Asia

1. Continua crescita della chiesa in dimensione e maturità nonostante la restrizione sulla propagazione della fede Cristiana ai Musulmani. Le chiese Evangeliche stanno giocando un ruolo significativo nell’ospitare e contribuire alle conferenze internazionali.
2. Obiettivi visionari fissati nel 1992 (DAWN) sono stati largamente raggiunti:
a) Il numero delle chiese evangeliche è cresciuto da 2.500 ad oltre 4.000.
b) Più di 110 congregazioni Malesi Bahasa dal 1999 — l’obiettivo era di 200 entro il 2000.
c) Un crescente movimento di preghiera con un rinnovamento spirituale e un maggiore senso di unità tra le chiese.

Richieste di preghiera

1. I Musulmani sono stati politicamente e socialmente divisi a causa della rumorosa minoranza Islamista che ha spinto per radicali riforme Islamiche e per l’imposizione della legge sharia. Sono state introdotte in 4 dei 13 stati delle pene severe per le violazioni della legge da parte dei Musulmani o in caso di apostasia. Ai Musulmani, all’incirca quasi tutti i Malesi, è stato negato il privilegio di ricevere il vangelo. Prega allo stesso tempo per:
a) I Malesi, attualmente socialmente e legalmente isolati dalla Verità. È illegale testimoniare a un Musulmano.
b) Il rifiuto della legislazione nazionale di imporre una legge di apostasia cosicché ciascuno, compresi i Malesi, possano avere l’opportunità di ascoltare il vangelo.
2. L’Islamizzazione ha sollevato delle preoccupazioni per coloro appartenenti ad altre fedi e che comprendono circa metà della popolazione. Qualsiasi tentativo di imporre l’Islamizzazione può minacciare la libertà religiosa. Prega che i Cristiani possano rispondere ed agire in modo costruttivo e che durante questo tempo la loro fede possa essere rafforzata. Prega inoltre per:
a) La disposizione costituzionale della libertà religiosa, affinché venga mantenuta e affinché quei Cristiani possano non essere intimiditi dalle minacce, ma che piuttosto possano essere audaci nel sostenere i propri diritti costituzionali e il proprio diritto celeste di proclamare il vangelo.
b) L’unità tra i Cristiani nel mezzo del risorgimento Islamico. La Federazione Cristiana riunisce assieme Evangelici e Protestanti, Cattolici e le principali denominazioni come rappresentanza per il governo. L’Associazione Cristiana Evangelica Nazionale (NECF) della Malesia è un corpo più piccolo per poter unire insieme Evangelici, Pentecostali e Carismatici per l’estensione della testimonianza nella nazione, per conferenze spirituali e per il sostegno alla visione delle missioni.
c) Coraggiosi conduttori Cristiani che siano preparati, a loro grande rischio, a ragionare o a confrontarsi con le autorità riguardo ad evidenti incongruenze ed ingiustizie per quanto concerne il trattamento dei non-Musulmani.
3. La Chiesa continua a crescere, ma affronta delle sfide reali:
a) La mancanza di operai Cristiani. Molte chiese piccole non hanno un pastore preparato. Ci sono più di 16 Scuole Bibliche e seminari. Troppo pochi stanno rispondendo alla chiamata di Dio al servizio.
b) La loro marginalizzazione crea ansietà, una mentalità tipica del ghetto e il desiderio di ritirarsi dall’essere quei testimoni che i Cristiani dovrebbero essere. C’è un’elevata emigrazione di professionisti e di laureati alla scuola Biblica.
c) Il bisogno di rivedere i comportamenti e l’effettivo servizio verso i vicini non-Cristiani.
4. Da quando la lingua della Malesia è diventata la lingua ufficiale nazionale, i Cristiani sono stati sono stati coinvolti in una serie di crisi. Prega per una soluzione a:
a) Il bisogno per degli scritti Cristiani nella lingua Malese. Gli scrittori sono pochi ed il mercato è ancora piccolo, la generazione dei giovani viene ancora educata in questo ambiente. Degli scritti Cristiani sono ampiamente disponibili in Inglese. Ci sono 24 librerie Cristiane e un’Associazione Biblica attiva.
b) La restrizione dell’uso pubblico della Bibbia Indonesiana. Una direttiva del governo era quella di vietare l’uso e la vendita della Bibbia nel rispettivo linguaggio dell’Indonesia. Questo generalmente utilizzava una terminologia rivendicata esclusivamente dai Musulmani, cosicché la letteratura Cristiana Indonesiana non può essere venduta pubblicamente. Prega per una completa risoluzione di questo aspetto.
c) Il linguaggio usato durante le prediche. L’adattamento al Malese sarebbe saggio, ma le chiese preferiscono avere cautela nell’uso di quella lingua per timore di qualsiasi implicazione negativa.
5. I Ministeri per i giovani sono stati molto efficaci per molti Indiani, Cinesi e Malesi dell’est giunti a Cristo attraverso organizzazioni quali YFC, CCCI, Navigators, SU, FES (IFES) ed altre all’interno di scuole ed università. È diventato sempre più difficile avere un ministero all’interno delle scuole nella Malesia Peninsulare, persino in quelle fondate dai Cristiani, il che rende più difficile raggiungere altre persone e il discepolato.
6. I Malesi che studiano oltremare. Le opportunità limitate per una educazione a livelli più alti per i non-Malesi hanno costretto un gran numero di Cinesi ed Indiani della Malesia a studiare all’estero o in college privati in Malesia. Molti sono arrivati a Cristo in situazioni di questo tipo, dove spesso sono diventati i gruppi Cristiani più entusiasti all’interno del campus. Prega che loro possano mantenere quello stesso entusiasmo quando torneranno a casa.
7. I lavoratori immigrati Cristiani sono diminuiti a causa dei crescenti problemi riguardanti i visti. La loro presenza è ancora di gran valore e vari ministeri dipendono proprio dalla loro spinta. Prega per l’aspetto della necessità di prospettive. Prega inoltre per un ministero effettivo privo delle limitazioni che tuttora esistono.
8. La visione delle missioni della Chiesa in Malesia ha continuato ad aumentare e più di 800 servono con 26 organizzazioni nei paesi in tutto il mondo. NECF sta cercando di stimolare questa visione e permettere alle congregazioni locali di essere chiese efficaci che mandano missionari. Le principali organizzazioni sono OM, Gioventù in Missione YWAM, OMF, WBT, WEC e Navigators.


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2001)                                            Traduzione di Ale Magnifico

1. La chiesa sta crescendo tra tutti i gruppi etnici non-musulmani — circa il 10% degli Orang Asli, 10% degli Indiani e 7% dei Cinesi sono Cristiani (un terzo circa sono Cattolici). La continua pressione esterna da parte dell’Islam ad ogni livello, la pressione da parte delle famiglie non-Cristiane al compromesso e l’attrazione del materialismo hanno danneggiato l’impegno reale. Molti giovani arrivano al Signore, ma il livello di ricaduta dopo essere entrati nel mondo del lavoro ed aver trovato un impiego è alto. Prega per un profondo lavoro dello Spirito Santo nel ravvivare ed incoraggiare i credenti.

2. Adorazione e testimonianza potranno dovere essere modificati per sopravvivere e crescere sotto pressione. Si deve percorrere il sentiero di una maggiore cooperazione, condivisione delle risorse tra le denominazioni e uno stile di adorazione in casa più attivo — sono state create negli anni ’90 delle cellule di preghiera nelle chiese. Prega per la guida dello Spirito Santo per i conduttori e per l’emergere di una forte, efficace chiesa che abbia influenza sulla maggioranza della popolazione.
3 I meno evangelizzati. La chiesa della Malesia possiede le risorse e la comprensione della situazione locale della Malesia Peninsulare per arrivare a coloro che sono meno raggiungibili, ma necessita inoltre del coraggio e dell’impegno. Prega specialmente per:
a) I malesi. Le barriere sociali e legali sono elevate, ma è comunque possibile per i Cristiani condividere la propria fede. Ci sono alcuni credenti Malesi che si riuniscono in gruppi nelle case e in chiese multietniche, ma non ci sono congregazioni attuabili per Malesi etnici. I Malesi possono essere raggiunti più facilmente all’estero e nelle vicinanze di Singapore.
b) I Cinesi — nonostante ci sia una minoranza significativa di Cristiani, ci sono delle aree specifiche di bisogno. Il materialismo e le religioni tradizionali sono ancora molto forti. Le denominazioni dei Presbiteriani, Pentecostali e carismatici stanno crescendo, in particolar modo tra le classi medie urbane Cinesi che parlano inglese. Non ci sono chiese che parlano Hainanese (200.000 persone) e Hakka, Teochew e Kwongsai sono parlati un po’ di più. Le città rurali e le città piccole sono evangelizzate in modo incompleto e solo metà dei 450 villaggi Cinesi hanno una chiesa.
c) Gli Orang Asli che sono considerati Musulmani dai Malesi, anche se non condividono l’Islam e le sue restrizioni e rimangono legati alle loro tradizionali vedute. Nonostante i tentativi di corruzione dei Musulmani e le ostruzioni ai Cristiani per testimoniare a loro, probabilmente il 10% sono ora Cristiani. Solo tra i Semai e i Temuan esiste un movimento che fonda ed avvia delle chiese, sebbene ci siano alcuni credenti nei principali popoli dei 19 esistenti. I Metodisti, Chiesa dei Fratelli, Pentecostali e Luterani hanno tutti fondato chiese tra di loro, ma la principale sfida sta nel vedere un movimento autoctono che lavori per avviare e creare chiese e che quindi, da un punto di vista culturale, appartenga al popolo degli Orang Asli. Solo due lingue possiedono il Nuovo Testamento e ci sono lavori in corso per la traduzione in altre due lingue; per le altre 15 lingue occorrono gruppi di traduttori.
d) Indiani. Ci sono molti Cristiani Tamil, ma pochi tra le tenute dei braccianti. Altre minoranze etniche Indiane sono meno raggiunte dall’evangelo — i 66.000 Panjabis (principalmente Sikh) con meno di 100 credenti e i Telugus. Gli Indiani Musulmani sono circa 50.000; non c’è stato uno specifico lavoro di espansione verso di loro. L’istituto Biblico Tamil (AsEF) sta preparando operai Cristiani per raggiungere col vangelo le comunità Indiane. Quest’associazione fu istituita nel 1996.
e) I socialmente emarginati. La droga è il principale problema — specialmente tra I giovani Malesi. Prega per un efficace ministero Cristiano e per i ministri che svolgono il servizio nelle prigioni.
f) Minangkabau, Acehnese, Malays, etc., sono giunti a centinaia e migliaia da Sumatra, Indonesia, cercando lavoro. Solo pochi hanno sentito parlare del vangelo. Il raggiungimento, con il Vangelo, dei malesi indonesiani continua, e pochi hanno risposto positivamente. Un’alta percentuale delle congregazioni Bahasa Malese è etnicamente indonesiana.

SABAH (già Borneo settentrionale)

1. Il governo ha avuto un record negativo in quanto a corruzione e saccheggio delle foreste. Prega per una guida che incoraggi l’onestà, l’armonia interetnica e una sensibilità per l’ambiente.
2. Una rapida crescita della chiesa sta prendendo piede tra i Cinesi, le popolazioni Kadazan, Tagal e Murut attraverso l’opera della Missione Basel, degli Anglicani e del SIB. Il SIB ha circa 330 congregazioni in Sabah. Il movimento Carismatico ha profondamente influenzato quasi tutte le denominazioni. Circa il 27% dei Cinesi e la maggioranza delle popolazioni indigene sono ora Cristiane. Il nominalismo, il dirigersi delle popolazioni tribali verso le città e la grave perdita di lavoratori a tempo pieno sono problemi ancora irrisolti per le chiese. Il Consiglio Sabah delle Chiese è un catalizzatore di associazioni, di collegamenti col governo, di evangelismo, di conferenze e traduzione della Bibbia. La perdita del visto dei missionari è una sfida per i Cristiani locali per evangelizzare in Sabah coloro che vengono meno raggiunti dal vangelo.
3. Le popolazioni meno raggiunte:
a) I Musulmani sono quasi intoccabili. Prega per una specifica espansione verso:
i) Le popolazioni Filippine, molti sono dei rifugiati dell’insurrezione Musulmana a Mindanao, nelle Filippine.
ii) Gli Indonesiani, la maggior parte sono degli immigrati illegali provenienti da Sulawesi e Java. È stato fatto molto poco per poterli raggiungere.
iii) I Malesi locali e i popoli Musulmani tribali, in particolare i Bisaya e i Bajau.
b) Alcuni gruppi tribali, ancora solo parzialmente evangelizzati, nonostante ci siano stati grandi movimenti di persone tra di loro. Poche lingue possiedono una traduzione del Nuovo Testamento. Ci sono solo 6 gruppi di traduzione che lavorano in 14 lingue, ma non c’è di fatto personale straniero. Prega per i Cristiani locali per la chiamata al lavoro di traduzione — tanto da completare i 13 progetti esistenti del Nuovo Testamento e tanto da iniziare il lavoro nelle 20 lingue che devono sopravvivere.

SARAWAK

1. Il Sarawak ha sperimentato una serie di emozionanti movimenti dello Spirito durante gli ultimi 60 anni. Attraverso l’opera della Chiesa Evangelica di Borneo (SIB/OMF) ed altre, sono avvenuti risvegli e movimenti di persone in molte delle tribù più piccole. Il SIB ha più di 260 congregazioni, cinque scuole Bibliche e opere in corso in più di 10 popolazioni, con una forte espansione verso le città e le popolazioni non ancora raggiunte dal vangelo. Loda Dio per questo e prega che lo spirito del risveglio possa perdurare nella generazione presente e in quella a venire. Un certo numero di chiese costiere tra i Cinesi, sono più nominali, altre invece sono rigogliose. All’incirca metà dei Cinesi ora professano di essere Cristiani.
2. La Chiesa è sotto pressione a causa del materialismo nelle città e una rigida pressione da parte dei Musulmani in alcune aree rurali. Prega che i credenti possano non solo rimanere saldi nella loro fede, ma che possano anche diventare più audaci nella propria testimonianza. Prega che i conduttori delle chiese possano essere in grado di gestire le complessità della politica nazionale e l’educazione delle chiese sparpagliate in una terra con numerose difficoltà a livello di trasporti.
3. La crescita sta regredendo a causa della mancanza di nuovi lavoratori. Quasi la metà delle congregazioni del SIB non hanno un pastore e molti dei pastori esistenti sono costretti a lavorare part-time a causa della mancanza di finanze. È limitato anche il numero di lavoratori pionieri che vengono inviati altrove come sostegno. Prega per la chiamata e il sostegno di un numero maggiore di giovani.

Dati sulle Religioni

Religione % Popolazione
Musulmani 62,61
Cinesi 12,70
Cristiani 9,43
Buddisti 6,50
Indù 6,20
Non religiosi 1,30
Etnie tradizionali 0,90
Bahaisti 0,30
Sikh 0,06
Dati aggiornati al 2010, fonte Operation World

(che si autodefiniscono cristiane)

Chiese Congregazioni Membri Affiliati
Cattolica 168 452.381 855.000
Metodista 382 109.871 303.984
Anglicana 274 145.349 250.000
Evangelica del Borneo 1.090 110.000 242.000
Chiese indipendenti 601 84.118 143.000
Avventista del 7* giorno 343 51.500 64.000
Cristiana di Basel 179 30.440 55.400
Assemblee di Dio 325 34.097 53.486
Convegno battista della Malesia 184 18.750 37.500
Protestante di Sabah 302 17.964 30.000
Assemblea del Pieno Vangelo 62 12.500 25.000
Presbiteriana 100 7.000 14.500
Fratelli cristiani 150 6.750 13.500
CNEC 102 4.600 11.500
Chiesa Vera di Gesù 36 7.200 11.448
Altre denominazioni [51] 905 66.703 127.868
Totale Cristiane [75] 5.203 1.159.223 2.238.186

Dati aggiornati al 2010, fonte Operation World
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA