DATI

CAPITALE: Colombo
GOVERNO:
 Repubblica
POPOLAZIONE:
20 675 000
LINGUE: Sinhala (lingua ufficiale e nazionale) 74%, Tamil (lingua nazionale) 18%, altre 8%
ETNIE: Sinhalesi 73,8%, Mori 7,2%, Tamil indiani 4,6%, Tamil di Sri Lanka 3,9%, altri 10,5%
AREA TOTALE: 65 610 kmq
CONTINENTE: Asia

1. Rivendicato da qualcuno come luogo del Giardino di Eden, lo Sri Lanka ora è un’isola di lacrime. L’orrendo conflitto tra Sinhala e Tamil ha portato grossa sofferenza con una stima di 100.000 morti; 800.000 (principalmente Tamil) emigrati o fuggiti in India e all’Est, mentre tra i 700.000 e 1,5 milioni sono sfollati dallo Sri Lanka. Pregate specificatamente per:
a) La neutralizzazione del potere e dell’influenza dei Buddisti estremisti di Sinhala. È stata la loro forza a emarginare e sopprimere i Tamil portando all’attuale guerra. La crudeltà e corruzione delle forze armate hanno danneggiato fortemente la parte morale della nazione.
b) La fine della violenza Tamil LTTE la cui spietatezza e l’uso di soldati-bambini e giovani kamikaze hanno scioccato il mondo e sparso terrore nella maggior parte del paese.
c) Per un governo onesto e pulito per questo paese politeista e multietnico. L’amarezza con cui è diviso lo scenario politico di Sinhala impedisce passi verso la pace.
d) Per un vero cessate-il-fuoco, la volontà di negoziare una pace equa che dia onore e rispetto alle principali comunità e che protegga i loro diritti civili, economici e religiosi.
e) Per legare le potenze scatenate delle tenebre. La realtà del mondo degli spiriti e dell’idolatria sottendono i mali presenti in Sri Lanka.
2. I buddisti sono da sempre orgogliosi della loro religione basata sulla non-violenza e la tolleranza. Il bigottismo e la violenza dei buddisti estremisti sia contro gli Indù Tamil che i Cristiani hanno frantumato tale immagine. C’è una diffusa disillusione in entrambi Buddismo e Induismo che hanno condotto molti a guardare a Cristo, malgrado gli svantaggi sociali e la minaccia di persecuzione. Pregate perché aumenti il numero di coloro che trovano pace in Lui.
3. Le chiese tradizionali principali sono crollate dal 21% della popolazione nel 1722 al 7% nel 1990 e il declino continua. Le cause: nominalismo, l’incapacità di mettere da parte i modelli di culto stranieri, l’uso delle lingue europee e il liberalismo teologico che ha portato a un sincretismo un po’ fuori portata. Il buddismo rampante continua ad assottigliare il numero di fedeli. A questo si aggiungeva la forte emigrazione dei cristiani Tamil nel corso degli ultimi 20 anni. Sia lodato Dio per la crescita dei movimenti evangelici delle chiese anglicane, metodiste e battiste. Pregate per:
a) Un ritorno alla teologia biblica e alla santità nei principali seminari e nelle congregazioni. La teologia liberale ha enfatizzato il dialogo, il compromesso e l’ingegneria sociale piuttosto che il Vangelo, il confronto di errore e la fede personale in Cristo.
b) Adattamento culturale per rendere culto, innologia, linguaggio e strutture competenti e accogliente per i non cristiani.
c) Una visione per l’evangelizzazione e la diffusione presso i non cristiani a qualsiasi costo. Vaste zone del paese sono senza una testimonianza del Vangelo; i cristiani sono quasi tutti concentrati nelle regioni urbane di Colombo e Jaffna; pochi vivono nelle aree rurali. Molti lavoratori specializzati emigrano e pochi sono disposti a lavorare nelle zone rurali meno privilegiate.
4. Gli Evangelici hanno invertito il declino cristiano in un aumento della vita spirituale e della visione. Il risveglio ha approfondito la fede, ha riacceso la speranza, ha affrettato l’indigenizzazione, ha preparato molti alla persecuzione e stimolato una diffusione vigorosa. Ci sono molti nuovi cristiani convertiti dalle comunità buddista e indù. Pregate per:
a) Il raggio d’azione in corso di Pentecostali, Carismatici e altri gruppi evangelici. Hanno avuto particolare successo gli sforzi delle AoG e della Chiesa Foursquare. Le campagne evangelistiche di Reinhard Bonnke e altri hanno stimolato un interesse a livello nazionale.
b) Il crescente movimento missionario dello Sri Lanka. Notevoli sono gli sforzi dei lavoratori pionieri dell’ YFC, Margaya Mission, Gospel Ministries, Lanka Village Ministries (LBC Alumni) così come denominazioni più o meno giovani. Le 420 chiese rurali del 1983 sono cresciute a oltre 1.200 dal 2000.
c) Maggiore unità. La Chiesa nel suo insieme è profondamente divisa – in particolare etnicamente nella Chiesa cattolica e teologicamente fra i protestanti – ostacolando il progresso e presentando un fronte unito a quelli che si oppongono loro. L’Alleanza Nazionale Cristiana Evangelica si è rivelata una benedizione portando un ampio spettro di Evangelici insieme per un’azione dinamica nel disciplinare la nazione per Cristo. Un obiettivo emergente è quello di vedere il numero di congregazioni evangeliche triplicato dal 2005.
d) Una correzione efficace dei punti deboli — troppo individualismo e una frammentazione tra i nuovi gruppi evangelici, troppo poco coordinamento nazionale del ministero, convertiti scarsamente discepolati e inadeguata indigenizzazione per ogni sfaccettatura della vita di chiesa.
e) La Chiesa come catalizzatore per la riconciliazione nazionale. Non vi è alcun’altra struttura nazionale che possa significativamente riunire le comunità etniche amaramente divise.
5. Gli Evangelici hanno fatto molto per implementare l’educazione teologica negli ultimi trent’anni — Lanka Bible College (LBC) in Kandy, la Colombo Theological Seminary, le Scuole biblice delle AoG, la Chiesa Quadrangolare, Calvary Theological Seminary, GFA e altri hanno formato un numero crescente di operai cristiani effettivi. LBC ha avviato un corso di laurea che forma docenti per l’insegnamento del cristianesimo nelle scuole. Un certo numero prosegue con aggiornamenti e corsi di TEE. Pregate per lo sviluppo e per un maggiore impatto spirituale di queste istituzioni.
6. Le persecuzioni sono aumentate significativamente negli anni ’90 a seguito dell’effettiva diffusione evangelica. Buddisti estremisti a livello nazionale, cercano di ridurre i finanziamenti stranieri, limitano la costruzione delle chiese, criminalizzano le conversioni come ‘immorali’ e, a livello locale, rendono le attività cristiane impossibili. Nel 1990 oltre 35 chiese sono state distrutte, centinaia i cristiani aggrediti e alcuni anche martirizzati. Anche tra i Tamil vi è stata la persecuzione proveniente dagli estremisti LTTE e Indù. Pregate per i cristiani affinché siano esemplari testimoni in queste afflizioni.
7. Il lavoro missionario è stato limitato dalle autorità. I nuovi visti sono estremamente difficili da ottenere. Pregate per un cambiamento – le esigenze sono così numerose che le risorse della Chiesa dello Sri Lanka sono inadeguate per coprire tutte le necessità di evangelizzazione, fondazione di chiese e di altri ministeri. TWR dispone di 20 lavoratori, ma la maggior parte è dispiegata nel ministero di radiodiffusione internazionale. CCCI ha 73 lavoratori tra nazionali e espatriati. Altre missioni, come l’Esercito della Salvezza, metodisti, Free Mission svedese, AOG, BMS, IMB-SBC e SDA hanno appena una manciata di lavoratori ciascuno. Pregate per una nuova generazione di missionari culturalmente in grado di identificarsi con l’attuale necessità dello Sri Lanka.
8. Speciali sfide di ministeri:
a) La comunità di Lanka Tamil, una volta relativamente prospera, ma ora impoverita, vendicativa e impaurita, ha bisogno di preghiera. Un gran numero è scappato al reclutamento forzato dei loro figli dalle Tigri Tamil (LTTE), e alla violenza della guerra. La maggior parte aborrisce la violenza, ma non ha modo di schierarsi contro di essa. Pregate per quelli che svolgono il loro ministero fra i rifugiati in India (più di 300.000), Europa / Nord America (più di 300.000) e anche in Sri Lanka. Pregate per la conversione dei leader di LTTE e dei guerriglieri.
b) I Tamil sono stati a lungo disprezzati ed emarginati, ma esiste possibilmente fino ad un 20% che si professa cristiano. Dal 1980 oltre 10.000 sono andati a Cristo attraverso la Chiesa ortodossa Fellowship, AOG e la Chiesa di Smirne. Sono senza conduttori e sono divisi. Recentemente le LTTE hanno cercato di coinvolgere questa comunità in guerra. Pregate per un’efficace disciplina dei credenti.
c) Giovani. Programmi giovanili sono limitati e la maggior parte dei giovani ha un poco significativo contatto con il Vangelo. C’è bisogno di una speciale preghiera per questi ministeri:
i) Il ministero dinamico di YFC e CCCI tra i giovani di città.
ii) Il lavoro di FOCUS (IFES) tra gli studenti. L’ufficio di IFES del Sud Asia si trova nello Sri Lanka. CCCI ha un ministero tra gli studenti.
iii) I bambini in crisi – la guerra, insieme con l’industria del turismo hanno portato un’infame industria di pedo-pornografia e pedofilia. Si stimano essere oltre 30.000 i bambini che si presumono coinvolti. Diversi ministeri cristiani sono coinvolti nell’andare incontro alle loro esigenze.
iv) I bambini della guerra – molti bambini Tamil hanno subito un lavaggio del cervello per diventare macchine assassine. Molti avranno bisogno di un intenso aiuto per superare questo trauma.
d) I villaggi presentano una sfida. In tutto il paese ci sono comunità rurali che non hanno mai ascoltato il Vangelo. Ci sono 36.000 villaggi nello Sri Lanka, ma solo 1.200 hanno gruppi cristiani protestanti. Molte zone sono prive di qualsiasi testimonianza. I villaggi devastati del nord e dell’est sono particolarmente bisognosi. ASEF e gli altri stanno ministrando loro.
e) Le baraccopoli urbane sono poco evangelizzate. La maggior parte dei cristiani sono tra i più benestanti. Sono poche le chiese e gruppi pronti a raccogliere questa sfida.
9. La gente dello Sri Lanka ancora da raggiungere:
a) I Mori sono generalmente commercianti, burocrati e contadini. Fino a poco tempo fa ci sono stati pochi convertiti all’Islam, ma attraverso un ministero di indigeni più di 100 musulmani hanno creduto in Cristo. Le AOG hanno un buon ministero tra i musulmani economicamente depressi di Colombo.
b) I Malesi sono musulmani sincretisti e potenzialmente più aperti. Pregate per uno specifico ministero fra loro.
c) Gli altri gruppi sociali da raggiungere: i buddisti colti, la comunità costiera di pescatori, i rifugiati Tamil e Singalesi, i villaggi posti sotto il programma ‘Villaggio di risveglio’ e i militanti Tamil e Singalesi che continuano a polarizzare il paese. Vi è anche una rinascita del partito radicale marxista, il JVP.
d) Gruppi tribali: i Rodhiya (7.000), gli Zingari (1.000) e i Veddah. I ministeri di Kithu Sevana (YFC) sta portando avanti un lavoro con i Rodhiya.
10. I ministeri cristiani nell’ambito dei media:
a) Letteratura. Questa è molta richiesta. L’alfabetizzazione è alta, ma letteratura buona, economica e culturalmente rilevante non viene stampata/distribuita in quantità sufficiente da trarre profitto di questa opportunità. Gli editori principale – Editori Pragna, la Società Biblica, Gospel Ministries, YFC, Lanka Bible College (libri teologici e materiali di studio), SGM (porzioni della Scrittura) – hanno pubblicato molto, ma sono troppo pochi i colportori commessi disponibili. Vi è una mancanza di una buona letteratura di pre-evangelizzazione per i buddisti e musulmani. New Life League ha una macchina da stampa a Colombo che è molto utilizzata per la stampa della letteratura evangelistica. EHC sta avviando un terzo programma di distribuzione del Vangelo all’intera nazione (7 milioni distribuiti finora con 230.000 risposte). CLC ha recentemente aperto tre librerie cristiane con un ministero crescente di distribuzione.
b) Il film Jesus è stato ampiamente proiettato con un equivalente pari al 41% della popolazione ad averlo visto. Questo ministero è molto colpito sia dalla guerra che dall’opposizione da parte di estremisti religiosi – pregate per coloro che si occupano della proiezione che spesso vengono a trovarsi in situazioni pericolose. La tv nazionale attualmente sta trasmettendo settimanalmente “La chiamata di Gesù” di produzione indiana in tre lingue: un miracolo!
c) Radio. Lo Sri Lanka è scarsamente raggiunto da emittenti internazionali – FEBA Seychelles trasmette 9 ore alla settimana in Tamil e 3,5 ore in Sinhala. Tuttavia, il ministero della TWR nello Sri Lanka, India e Bangladesh sulle onde medie è di grande successo. C’è un grande pubblico, vengono impiegate 13 lingue e 44 ore settimanali di radiodiffusione. La trasmissione “Torna alla Bibbia” prepara un’ampia programmazione in lingua inglese, singalese e tamil.


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2001)                                                           Traduzione di Patrizia Viani

1. Risveglio e forte crescita evangelica dal 1980: il tutto durante la guerra più straziante e un’opposizione militante dalla religione di maggioranza e nonostante un alto tasso di emigrazione dei cristiani. Nel 1980 gli evangelici erano circa 50.000 (0,36%), ma dal 2000 sono quasi 240.000 (1,25%).
2. La moltiplicazione delle chiese attraverso il ministero di molti umili evangelisti missionari dello Sri Lanka. Negli anni 1970-79 sono state piantate solo 26 nuove chiese; tra il 1980-84 ce ne sono state 153 ed infine tra il 1990-97 più di 330.
3. Il sorgere di leader cristiani a livello mondiale, evangelisti, insegnanti della Bibbia e apologeti cristiani a favore della nazione che portano avanti il lavoro al di là di ogni difficoltà.

Dati sulle Religioni

Religione % Popolazione
Buddisti 71,93
Indù 12,00
Musulmani 8,00
Cristiani 7,62
Non religiosi/altri 0,20
Sikh 0,15
Bahaisti 0,10

Dati aggiornati al 2001, fonte Operation World

(che si autodefiniscono cristiane)

Chiese Congregazioni Membri Affiliati
Cattolica 330 586.592 1.050.000
Assemblee di Dio 70 10.000 77.000
Chiesa di Ceylon 146 34.000 53.900
Metodista 143 17.049 28.471
Chiesa dei credenti (GFA) 200 9.000 18.000
Chiesa dell’India meridionale 68 5.000 15.165
Vangelo quadangolare 298 6.187 15.000
Vangelo di Getsemane 39 7.500 11.232
Calvario 60 4.000 8.150
Comunione di chiese libere 18 3.060 8.000
Testimoni di Geova 69 3.171 8.000
Missione pentecostale di Ceylon 53 4.192 7.000
Avventista del 7* giorno 28 3.252 6.500
Esercito della salvezza 39 2.900 3.979
Comunione di Margaya 20 1.700 3.500
Unione battista 25 2.200 3.000
Ministeri del Vangelo 39 1.007 2.750
Altre denominazioni [48] 381 37.000 65.700
Totale cristiane [65] 2.026 738.000 1.385.000

Dati aggiornati al 2001, fonte Operation World
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA