DATI

CAPITALE: Phnom Penh
GOVERNO:
Democrazia con una monarchia costituzionale
POPOLAZIONE:
13.995.904
LINGUE: Khmer (ufficiale) 95%, Francese, Inglese
ETNIE: Khmer 90%, Vietnamita 5%, Cinese 1%, altri 4%
AREA TOTALE:
181.040 kmq
CONTINENTE: Asia

1. Il terribile genocidio del 1975-79 in cui quasi 2 milioni di persone sono state uccise ha lasciato profonde cicatrici fisiche ed emotive. Vi sono oltre 30.000 persone che hanno perso gli arti a causa delle mine, e quasi l’intera popolazione ha bisogno di guarire profondamente dal trauma causatole dalle perdite e dal dolore. Pregate per:
a) La giustizia affinché venga compiuta nei confronti di coloro che hanno commesso tali crimini. Il partito comunista di Kampuchea ha mostrato fino ad ora un po’ di pentimento.
b) Coloro che cercano di rimuovere le mine e di ristabilire nello stato un modello di vita decente. Molti cristiani sono coinvolti attraverso le ONG.
c) Coloro che si preoccupano per le persone mutilate, gli orfani, le vedove, ed ora le vittime dell’AIDS.
d) Un governo che voglia il bene di tutti, e che sia degno della fiducia del popolo. La violenza, la manipolazione, la corruzione e l’egoismo fino ad ora hanno rappresentato la norma.
2. È necessario che l’oscurità spirituale della Cambogia venga dissipata con la preghiera. Questa oscurità spirituale si riconosce tramite gli altari dello spirito onnipresente, la forte opposizione del buddismo verso qualsiasi rivalità ideologica e verso la caduta morale. Prospera l’industria del sesso, ma un terzo del totale delle prostitute (circa 50.000) sono bambine. La Cambogia ha la percentuale più alta di abbandono infantile del Sud-est asiatico. Il virus dell’HIV si diffonde rapidamente con 180.000 persone certe che avevano contratto il virus fino al 1999 e 3.500 bambini nati ogni anno con il virus HIV. Pregate affinché possa brillare la luce del Vangelo in modo da cambiare totalmente sia le strutture della società che gli individui.
3. La Chiesa cambogiana è sopravvissuta contro ogni possibilità. A partire dal 1923, i missionari della CMA hanno lavorato per 47 anni prima di iniziare a fare dei passi avanti. Nel 1970 c’erano soltanto 700 credenti nelle chiese evangeliche, ma nel 1975 queste erano cresciute fino a 9-12.000. Solo in 2.000 sono sopravvissuti al massacro – molti scapparono verso i campi profughi Thai dove sono stati raccolti molti frutti per il Regno. Nel corso degli anni ’90 le chiese si sono estese a tutte le 19 province. Pregate per:
a) La libertà dalla manipolazione e dall’intromissione del governo, e la saggezza nel modo di relazionarsi alle autorità.
b) La libertà e una sincera liberazione dal peccato, l’odio, le sofferenze e gli abusi del passato per mezzo della fede nel prezioso sangue di Gesù.
c) I giovani e i bambini affinché vengano istruiti in modo efficace nelle chiese. In pochi sono attrezzati allo scopo, eppure più della metà della popolazione ha meno di 21 anni.
d) Le tante famiglie cristiane affinché crescano in modo da poter vivere per Cristo come esempi del Suo potere di salvare e di cambiare.
e) L’evangelizzazione delle anime perdute e affinché il Vangelo possa raggiungere ogni persona.
4. È importantissimo trovare dei responsabili maturi per le chiese. La perdita di tantissime persone istruite nel massacro operato dal partito comunista di Kampuchea, e il malfunzionamento della società hanno spinto molti neo credenti a prendere subito delle responsabilità ancor prima che fossero pronti. Pregate per:
a) Le scuole Bibliche — La scuola Biblica Phnom Penh e “Cambogia Per Cristo” (CFC), il college di formazione al ministero, rappresentano le due istituzioni chiave.
b) I pastori esistenti — nel 1999 755 erano registrati come tali nello Stato, di cui 200 con CFC. Pregate per la purezza, il potere nello spirito, per il discernimento nel ministero e per il loro affidamento a Dio più che sugli aiuti dall’estero.
c) L’unità – Il governo riconosce solo quattro organizzazioni a cui tutte le denominazioni si devono registrare — l’Alleanza Cristiana Evangelica Cambogiana, la Confraternita Evangelica della Cambogia, la Federazione Cristiana Cambogiana, la Comunità Battista Cambogiana. Queste collaborano sempre di più. Pregate affinché ciò influenzi il Paese in modo efficace e positivo. La Chiesa Cambogiana ha avuto molti problemi dovuti alla divisione.
5. Il ministero dei cristiani verso i bisogni fisici rappresenta una grande preoccupazione.
a) I profughi che sono usciti dalla Cambogia tra il 1975 e il 1985. Circa 700.000 fuggirono in Tailandia, dove molti si convertirono nei campi profughi. Molte associazioni hanno operato un eccezionale ministero in quei campi (SAO, YWAM, WVI, SBC, Diffusione Cristiana, OMF, CMA ed altre). Di questi, 350.000 si sono trasferiti negli USA, Francia, Canada ed altre terre, dove ora esistono dozzine di assemblee cristiane di Cambogiani. I restanti 350.000 nel 1993 erano già tornati alle loro case per ricominciare le loro vite. Hanno tanto bisogno di aiuto.
b) I bisogni sociali sono grandissimi. L’uccisione della maggior parte di coloro che erano specializzati o istruiti rende essenziale l’ingresso degli emigrati. Il risanamento, gli orfanotrofi, la ricostruzioni, le cure sanitarie, i progetti per l’agricoltura, le pescherie, l’amministrazione dell’acqua e l’istruzione sono tutti ministeri a cui i cristiani hanno un importante accesso. Pregate per:
I) Le 30 o più ONG cristiane (World Concern, Christian Outreach, World Relief, Food for the Hungry, Harvest International Services (HIS), SAO, OMF, CMA, WVI, AoG, YWAM, i Mennoniti e Servants to Asia’s Urban Poor).
II) Una cooperazione efficace tra le associazioni cristiane.
III) Più esuli lavoratori a lungo temine che apprendano la lingua e che si identifichino con la cultura. I ministeri a scopo umanitario possono a volte fallire in questo e incoraggiare solo degli impegni a breve termine. I visti per i missionari sono per ora concessi ad associazioni quali OMF, AoG, WVI e CMA.
IV) La salute fisica e spirituale dei neo operai e per la fecondità del ministero.
V) Questa terra affinché si apra completamente e rimanga tale per tutti gli operai esiliati e bisognosi — soprattutto i precursori, i fondatori di chiese e per gli insegnanti della Parola.
6. I meno evangelizzati. C’è uno spiraglio di possibilità per la terra che bisogna tener aperto con la preghiera. Pregate per:
a) La maggioranza buddista. Sebbene stia rifiorendo, il buddismo ha perso alcuni dei suoi agganci monopolistici sulla gente.
b) I Cham sono quasi totalmente musulmani. È probabile che il 60% sia profondamente coinvolto nell’adorazione dello spirito. Sono cresciuti rapidamente di numero. Pochi sono cristiani e fra di loro non vi sono chiese.
c) I gruppi di tribù. Solo fra i Mnong esiste un numero significativo di persone convertite. Esistono chiese piccole, ma fiorenti fra i Tampuan, i Krung, i Kravet ed i Jarai. Pregate per un adeguato approfondimento della necessità, e affinché i missionari sentano il bisogno di evangelizzarli.
7. Il ministero attraverso i media. Pregate in modo specifico per:
a) La letteratura. I missionari della CMA hanno tradotto una serie di testi, e continuano a farlo. C’è davvero bisogno di testi utili all’istruzione,poiché abbondano falsi insegnamenti. La chiesa più grande, la Neo-Apostolica, è settaria. L’UBS ed altre procurano Bibbie Khmer e Nuovi Testamenti. Una nuova Bibbia Khmer è stata completata nel 1998. Le dotazioni di SGM Scrittura sono ampiamente apprezzate.
b) Il film JESUS è utilizzato in Khmer, Cinese e Vietnamita. La sua influenza è stata più efficace attraverso la televisione nazionale.
c) La radio Cristiana. FEBC e CCCI sono state autorizzate ad emettere programmi sulla radio locale per 6 ore a settimana — un inizio! Anche all’Ora Luterana è stata data una simile opportunità. Anche FEBC radiotrasmette da Manila a Khmer (12 ore/set) come a Jarai e Stieng. TWR ha da poco iniziato una trasmissione radio settimanale.
d) MAF ha un aereo al servizio dell’opera cristiana.


(da Operation World, Patrick Johnstone e Jason Mandryk, 2001)                                                   Traduzione di Manuela D’Alberto

Dopo una lotta durata 5 anni, nel 1975 le milizie del partito comunista di Cambogia hanno catturato Phnom Penh ed hanno ordinato l’evacuazione di tutti i paesi e di tutte le città; più di 1 milione di sfollati sono morti in esecuzioni o sono stati costretti a subire pene. Un’invasione vietnamita del 1978 ha costretto il partito alla ritirata nelle campagne ponendo fine a 13 anni di lotta. Le elezioni inaspettate del 1993 sono servite a restaurare qualcosa di simile alla normalità, come pure è servita la rapida diminuzione dei comunisti del partito di Cambogia verso la metà degli anni ’90. Il governo di coalizione, formatosi dopo le elezioni nazionali del 1998, ha apportato una rinnovata stabilità politica ed ha spinto il resto delle milizie del partito comunista alla resa.


1. Una porta aperta al Vangelo nella nazione nonostante o, persino, a causa del mostruoso passato.
2 La rapida crescita dei ministeri volti a fondare chiese indigene e la moltiplicazione delle chiese. Nel 1999 c’erano più di 300 assemblee evangeliche con più di una chiesa nuova aperta ogni settimana. Questa crescita è avvenuta quasi interamente attraverso fondatori indigeni di chiese.

Religione % Popolazione
Buddisti 82,57
Cinesi 4,69
Etnie tradizionali 4,35
Musulmani 3,90
Non religiosi/altri 2,92
Cristiani 1,19
Indù 0,26
Bahaisti 0,12
Dati aggiornati al 2001, fonte Operation World

(che si autodefiniscono cristiane)

Chiese Congregazioni Membri Affiliati
Nuova Apostolica 200 25.000 50.000
Chiese nazionali 120 9.600 24.000
Cattolica 16 11.000 22.000
Cambogia per Cristo 68 5.000 13.000
Avventista del 7* giorno 25 2.500 5.000
Chiesa cristiana/Chiesa di Cristo 19 3.000 4.500
Alleanza cristiana 29 1.165 4.431
Assemblee di Dio 3 719 1.200
Altre denominazioni [14] 60 4.554 8.770
Totale Cristiane [22] 540 62.538 133.000
Dati aggiornati al 2001, fonte Operation World
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA